Diritto di precedenza del Bagnino

L’assistente bagnanti, essendo un lavoratore a tempo determinato, può usufruire del diritto di precedenza. Di cosa si tratta? Questo diritto – se esercitato – impone l’obbligo al datore della riassunzione per la stagione successiva presso la stessa unità produttiva e con la medesima qualifica. Ovvero stesso lavoro con le stesse ore settimanali.

Il diritto di precedenza può essere esercitato entro 90 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro e si estingue entro 1 anno dalla medesima data (art. 5, co. 4-sexies, D.Lgs. n. 368/2001, introdotto dall’art. 1, co. 40, L. n. 247/2007).

Citiamo l’articolo 4-quinquies e sexies della legge 247/2007:

4-quinquies. Il lavoratore assunto a termine per lo svolgimento di attività stagionali ha diritto di precedenza, rispetto a nuove assunzioni a termine da parte dello stesso datore di lavoro per le medesime attività stagionali.
4-sexies. Il diritto di precedenza di cui ai commi 4-quater e 4-quinquies può essere esercitato a condizione che il lavoratore manifesti in tal senso la propria volontà al datore di lavoro entro rispettivamente sei mesi e tre mesi dalla data di cessazione del rapporto stesso e si estingue entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro».

Il diritto di precedenza non viene riconosciuto ai lavoratori in possesso dei requisiti pensionistici di vecchiaia, a quelli licenziati dalla stessa azienda per giusta causa, nonché negli ulteriori casi definiti dalla contrattazione integrativa.

Il diritto di precedenza va richiamato nell’atto scritto come nel facsimile qua sotto.

https://www.facebook.com/fisa.verona.9/